RUZZUNENTI PIETRO detto RINO

Questa voce è solo un abbozzo.

RUZZUNENTI PIETRO detto RINO


Brescia

Violinista e sassofonista

Impiegato del commercio. All'età di 11 anni fa il piccolo da barbiere (il famoso "ragazzo spazzola!), indi il meccanico di biciclette; a 12 anni fa il garzone di salumeria e dai 14 ai 15 anni lavora nella Fabbrica Nazionale Armi. A 19 anni viene assunto come apprendista commesso, in un noto negozio di abbigliamento del centro di Brescia, dove prosegue il suo impegno, nel corso degli anni, sino a diventarne il direttore. Attratto dalla musica sin dalla giovane età, ha iniziato a 13 anni lo studio della teoria musicale e del clarinetto entrando nel corpo bandistico della Stocchetta (ormai sciolto) e con la guida del M.° Negri. Indi ha studiato violino con il M.° Ferruccio Francesconi (gratuitamente!), sino al punto da poter accompagnare le funzioni in Chiesa in occasione di matrimoni e suonare in complessi da ballo (Swing Melody, ecc.) proseguendo, per breve tempo e sotto la guida del M.° Guido Pellegrini, lo studio del saxofono tenore che negli anni '50 era molto in voga. Ha interrotto l'attività orchestrale per una decina d'anni, ripresa poi suonando violino e sax contralto e contribuendo alla formazione dell'orchestrina "Gli Stop" attiva per molti anni. Contemporaneamente ha svolto servizi musicali di ascolto in parecchi locali del bresciano in formazione di duo e di trio con chitarra eseguendo un repertorio standard d'atmosfera. Ha avuto esperienze in orchestre d'archi amatoriale suonando nell'orchestra dell'Amicizia diretta dal dott. Cagiada. Nel 1991 ha abbandonato ogni attività di musica leggera e si è tolta la soddisfazione di conseguire nel 1995, a 65 anni, la licenza di scuola media dedicandosi ed appassionandosi alla cultura in generale.