UFFICIO Assistenza legale ai poveri

UFFICIO Assistenza legale ai poveri

Derivazione dell'"Amico del popolo" (v.), venne continuato dal Sindacato fascista avvocati e procuratori, con le stesse finalità (Informazioni, istruzioni e recapiti. Corrispondenze epistolari all'interno ed all'estero. Atti dello stato civile. Consigli di famiglia, tutela e collocamento di minorenni. Pensioni militari e civili. Divisioni, perizie e successioni. Ricerche di documenti. Interessi legali, avvocatura, consulti. Gratuito patrocinio. Arbitrati. Domande di sussidi per pigioni e di beneficenza. Protezione degli emigranti. Riabilitazioni. Ricerche d'emigrati. Assicurazioni contro infortuni sul lavoro, vecchiaia. Pagamento polizze. Collocamento disoccupati. Ricorsi vari.).


Ebbe sede presso l'Unione Provinciale fascista artisti e professionisti, in piazza Vittoria, 10. Primo presidente fu il sen. Carlo Bonardi e direttore Achille Manzoni. In seguito ai bombardamenti del 1944 l'Ufficio venne trasferito nel palazzo della Corte d'Appello.