BANCA di Valle Camonica

BANCA di Valle Camonica

Fondata il 2 giugno 1872 e riconosciuta con decreto del 21 luglio per iniziativa di undici camuni (Giovanni Beccagutti, P.A. Bonettini, Giovanni Canossi, Antonio Franzoni, Amadio Rigali, Nicola Romelli, Giovanni Antonio Ronchi, Antonio Rusconi, Enrico Sigismondi, Antonio Taglierini, Giuseppe Tovini) con uno statuto e un programma tracciato dall'avv. Giuseppe Tovini, ed un capitale iniziale di 100.000 lire. La Banca ha dato validi contributi alle istituzioni camune e allo sviluppo economico della valle. La direzione è in Breno. Ha succursali a Darfo (1903) ed Edolo (1874) e agenzie a Vezza d'Oglio (1911), Ponte di Legno (1911), Borno (1920), Esine (1920), Bienno (1920), Cedegolo (1920), Cividate Camuno (1920), Lozio (1923), Cogno (1923), Vione (1923), Corteno (1937), Boario T. (1947), Artogne (1947), Gratacasolo (1956), Cevo (1957), Angolo (1960). Presidenti: Amadio Rigali (1894-1903), Giovanni Ronchi (1904 - 1913 ), Francesco Beccagutti (1914 - 1918), Francesco Rusconi (1919 - 1931), Erminio Valverti (1932 - 1944), Maffeo Gheza (1945 - 1947), Giovanni Montiglio (1948 1949), Carlo Bonardi (1950 - 1956), Giovanni Montiglio (dal 1957). Direttori: Ronchi ing. Giovanni (1872 - 1873); Ballardini dott. Francesco (1873 - 1914), Raffaglio rag. Antonio (1914 - 1920), Bonettini Cesare (1921 - 1930), Samaja dott. Mario (1931 1936); Zeminian rag. Antonio (1937).