BACCHINO da Manerba

BACCHINO da Manerba

Sec. XIII. Messosi a capo dei benacensi contro il vescovo-principe Berardo Maggi, riuscì con astuzia ed inganno a penetrare nella rocca di Manerba, scacciandovi i bresciani e dando il segno della rivolta agli altri castelli di S.Felice, Bedizzole, ecc., alleati con i ghibellini veronesi e mantovani. Al contrattacco dei bresciani Bacchino resistette eroicamente e morì, si disse, colpito da un fulmine, mentre la rocca cadeva in mano agli assalitori.