DJANGO QUARTET

Questa voce è solo un abbozzo.

DJANGO QUARTET


Django quartet, una musica che viene da lontano

Nonostante sia di recente formazione, il gruppo jazz "Django quartet" si presenta sulla scena ricco di esperienze dovute al fatto che i quattro componenti gravitano, pur essendo ancora giovani, nel mondo della musica già da parecchi anni. Conosciutisi frequentando il Centro didattico produzione musica, Marco, Giacomo e Vincenzo Albini di Pontoglio e Tommaso Bilotta di Bergamo, hanno iniziato a muoversi nell'ambiente con disinvoltura fin dagli esordi del gruppo, inserendosi ben presto nel giro dei concerti e partecipando a varie rassegne fra le quali spiccano "Summer time jazz" ed "Emergenti", in onda sull'emittente televisiva "Bergamo Tv". Durante questo primo periodo - solitamente non facile - di prove d'assieme, hanno inciso un album con dieci brani, per il quale devono gran parte dell'ispirazione al chitarrista tzigano Django Reinhardt , ma nel quale trova spazio anche un pezzo, "Il blues di Montecristo", concepito e realizzato interamente dai quattro. Il quartetto jazz non è comunque l'unica formazione della quale fan parte questi ragazzi, che sono impegnati anche in altre situazioni. Marco Ranghetti (chitarra), per esempio, ha fondato gli "Strios Band"; Giacomo Marchetti (basso), il gruppo dei "Versi Diversi"; Tommaso Bilotta (chitarra) assieme al pianista Francesco Falcioni gli "Open Quartet"; infine Vincenzo Albini (violino), impegnato anche nell'approfondimento scolastico del jazz, collabora con numerose formazioni.