ZACCARIA da Malegno

Versione del 1 nov 2021 alle 10:39 di Pgibe (Discussione | contributi)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

ZACCARIA da Malegno

(Malegno, 21 ottobre 1869 - Alto Alegre, Maranhao, Brasile, 13 marzo 1901). Al secolo Battista Casari. Di Andrea e di Benedetta Domenighini. Sacerdote cappuccino missionario. Nacque in una casetta a ridosso della chiesa di S. Maria presso il ponte. Pio e fervoroso, dopo le elementari fu mandato dal padre nel collegetto aperto nel convento della Santissima Annunciata di Borno. La vocazione religiosa lo spinse presto ad entrare, il 21 giugno 1883, nel Noviziato di Lovere dei Frati Minori Cappuccini. Fu poi a Bergamo per il liceo dove il 7 luglio 1887 emetteva la professione solenne. Passò a Brescia per gli studi di filosofia, a Salò e a Milano per la Teologia; il 21 dicembre 1889 veniva consacrato sacerdote. Passò poi cinque anni nel Convento dell'Annunciata dedicandosi alla predicazione in Valcamonica. Nel 1894 chiese di poter partire per il Brasile nella missione da poco aperta nell'Alto Alegre dove giunse nel. gennaio 1895. Fu assegnato a Barra do Corda con il compito di visitare le piccole comunità e le famiglie disperse nella foresta, per raggiungere le quali doveva affrontare lunghi e pericolosi viaggi. Con entusiasmo e instancabile fatica si dedicò alla evangelizzazione e all'insegnamento fino a quando, la mattina del 13 marzo 1901, mentre era in una chiesetta per celebrare la messa con altri tre missionari, sette suore e 150 cristiani cadde sotto i colpi di fucile dei Maranhao, sobillati da avventurieri. Una lapide è stata posta sulla sua casetta. Il 18 marzo 2001 gli venne dedicata una piazza a Malegno.