UFFICI di Collocamento

UFFICI di Collocamento

Istituiti presso la Camera del lavoro (1902) (v. Ufficio di collocamento della Camera del Lavoro) e le Unioni cattoliche del lavoro (1905), dal Comune di Brescia e dalla Provincia. Nell'ordinamento corporativo fascista, uffici di collocamento vennero istituiti presso il Consiglio Provinciale dell'Economia corporativa, con tre sezioni specifiche: per l'industria (piazzale Roma), per l'agricoltura (via F.lli Ugoni, 5) e per il commercio (palazzo Grattacielo di piazza Vittoria), e con un direttore provinciale. A differenza del carattere di mediazione degli uffici di collocamento precedenti al fascismo, secondo l'ordinamento sindacale fascista l'assunzione della manodopera poteva avvenire soltanto per il tramite degli uffici di collocamento.