TÒ so 'l trentù

TÒ so 'l trentù

Si riferisce ai trentun berlingotti ricevuti in dono dal trovatello, ospite del brefotrofio annesso all'Ospedale Maggiore, nel momento in cui lo lasciava, assunto da famiglie abbienti o da artigiani. Avveniva così (e qui troviamo l'origine del motto dialettale) che quando alcuno domandava conto all'Ospedale di un esposto emancipato e già uscito, si sentiva rispondere da quei governatori: "Non è più qui: ha preso i trentuno... "nel senso che se ne è andato. A volte si aggiunge alla locuzione "e 'ndà per èl trentadù".