INAMA Nicola

INAMA Nicola

Sec. XVI. Della valle di Non, insegnante pubblico di Umanità e Rettorica in Brescia per conto del comune. Iniziò il suo insegnamento nella chiesa di S. Luca il 26 ottobre 1589, leggendovi una pubblica prolusione, che fu data alle stampe: "Nicolai Inamae anauniensis ex comitatu Tiroli Oratio habita Brixiae in Templo Divi Lucae - apud Magnificos et Clarissimos Hospitalis magni Praesides et conscripti fratres, cum munus humanitatis pubblice profitendae sibi delegatum iniret VII Kalend. Novembr. anno MDLXXXIX. Brixiae, apud Vincentium Sabbium MDLXXXX, pp. 36 in 8. s.n". In questa questa orazione loda la munificenza del Nob. Carlo Bornato che aveva lasciato all'Ospitale un ingente patrimonio allo scopo di istituire una scuola pubblica superiore di Umanità e Rettorica, ed accennando alle scuole e alla cultura letteraria in Brescia dà una lode amplissima ai Gesuiti per il loro insegnamento nel Collegio di S. Antonio. In fine è pubblicata dello stesso Inama una lunga "Ode de laudibus Brixiae" in versi saffici di intonazione secentistica. Questa scuola pubblica fu continuata da altri valenti insegnanti, fra i quali Garzoni Bartolomeo (v.).