GAIBOTTI, Fonderia Metalli di Cologne

GAIBOTTI, Fonderia Metalli di Cologne

Fondata nel 1938 da Paolo Gaibotti e figli in via Roma 9, a Cologne, si trasferì poi in via S. Pietro. A carattere artigianale, produceva, nonostante l'esiguo impiego di manodopera, una notevole quantità di paioli e padelle per uso cucina (con una gamma di misura che andava da 10 cm. di diametro all'imbocco fino a 130 cm. da adibire per la cottura di vivande in mense e in centri sociali come asili, collegi, caserme ecc... La guerra arrestò poi il processo produttivo, con la chiamata alle armi di quasi tutti i dipendenti, paralizzando l'attività, esercitata ormai solo saltuariamente dal titolare stesso e di volta in volta con maestranze avventizie. Dopo il conflitto. l'Azienda riprese l'attività e vide come protagonisti i fratelli Gaibotti Roberto e Antonio. La società rimase attiva fino al 1969. La produzione si era ormai radicalmente trasformata, non trattandosi più di padelle e paioli ma di particolari per macchine utensili e impieghi vari (carterame, pulegge, basamenti, boccole, cuscinetti in bronzo ecc....). Dal 1969 al 1973 l'azienda fu diretta da Gaibotti Roberto e Tullio (figli di Antonio) i quali prestavano diretta manodopera. Dal giugno 1973, considerate le precarie condizioni di salute di un Socio, la ditta (sempre comunque a livello artigianale) fu prelevata da Gaibotti Tullio e trasferita all'attuale numero civico 49 di via s. Pietro.