COMERIO Vincenzo: differenze tra le versioni

[versione verificata][versione verificata]
m
 
Riga 1: Riga 1:
 
'''COMERIO Vincenzo'''
 
'''COMERIO Vincenzo'''
  
(Brescia, 1814 - 29 novembre 1886). Di Francesco e di Cecilia Cattaneo. Ortopedico, tenne laboratorio e negozio in via del Portone (oggi via Cavallotti) n. 758 con il fratello Andrea (Brescia, 1811 - 4/6/1891). Fu tecnico di valore nel suo ramo e partecipò alle Esposizioni di Firenze, Parigi, Londra. Nel 1864 si segnalò per particolari ed ingegnose modificazioni apportate alla coscia e alla gamba artificiali, al fine di dare l'agilità all'infermo. Fu tra i più valorosi combattenti delle Dieci Giornate sulle quali lasciò una relazione (inedita) che depositò presso il Museo del Risorgimento e che poi andò smarrita.
+
(Brescia, 1814 - 29 novembre 1884). Di Francesco e di Cecilia Cattaneo. Ortopedico, tenne laboratorio e negozio in via del Portone (oggi via Cavallotti) n. 758 con il fratello Andrea (Brescia, 1811 - 4/6/1891). Fu tecnico di valore nel suo ramo e partecipò alle Esposizioni di Firenze, Parigi, Londra. Nel 1864 si segnalò per particolari ed ingegnose modificazioni apportate alla coscia e alla gamba artificiali, al fine di dare l'agilità all'infermo. Fu tra i più valorosi combattenti delle Dieci Giornate sulle quali lasciò una relazione (inedita) che depositò presso il Museo del Risorgimento e che poi andò smarrita.
 
   
 
   
 
  [[Categoria: Volumi_Enciclopedia_Bresciana]][[Categoria: Volume_2]][[Categoria: Lettera_C]][[Categoria: Volume_2 - Pagina_303]][[Categoria: Volume_2 - Lettera_C]]
 
  [[Categoria: Volumi_Enciclopedia_Bresciana]][[Categoria: Volume_2]][[Categoria: Lettera_C]][[Categoria: Volume_2 - Pagina_303]][[Categoria: Volume_2 - Lettera_C]]

Versione attuale delle 06:32, 13 gen 2022

COMERIO Vincenzo

(Brescia, 1814 - 29 novembre 1884). Di Francesco e di Cecilia Cattaneo. Ortopedico, tenne laboratorio e negozio in via del Portone (oggi via Cavallotti) n. 758 con il fratello Andrea (Brescia, 1811 - 4/6/1891). Fu tecnico di valore nel suo ramo e partecipò alle Esposizioni di Firenze, Parigi, Londra. Nel 1864 si segnalò per particolari ed ingegnose modificazioni apportate alla coscia e alla gamba artificiali, al fine di dare l'agilità all'infermo. Fu tra i più valorosi combattenti delle Dieci Giornate sulle quali lasciò una relazione (inedita) che depositò presso il Museo del Risorgimento e che poi andò smarrita.