BANCA Popolare di Chiari

BANCA Popolare di Chiari

Fondata nel 1886 da 284 soci iniziali e con un capitale di L. 95.850 (Riserve L. 23.962,90), ebbe notevole sviluppo tanto da raggiungere nel 1938, depositi per L. 9 milioni e 400mila lire e, attualmente, L. 50.797.500 (Riserve 510.511.000). Suo scopo: "di procurare il credito ai propri soci mediante la mutualità ed il risparmio; di compiere operazioni e servizi di banca anche con non soci al fine precipuo di favorire e sviluppare - nel quadro delle esigenze economiche e dei preminenti interessi della Nazione - le attività agricole, industriali, commerciali ed artigiane, con particolare riguardo alle attività produttive minori ed alle imprese cooperative. La Società si propone di attuare opera di propaganda per il risparmio e per la formazione e la diffusione dello spirito mutualistico al quale impronta la propria attività. Sono escluse in modo assoluto le operazioni che abbiano carattere di speculazione". Presidenti: Terinelli Cav. Giuseppe (1886), Zenoni Luigi (1891), Balladori Antonio (1894), Brioni cav. Antonio (1998), Mazzotti Biancinelli Co. Gr. Uff. Dott. Lodovico (1922); Ambrosioni Cav. Angelo; Barcella Comm. Dott. Lodovico; Soldo Cav. Rag. Emilio. Direttori: Bazoli Dott.Alberto; Lancini Francesco; De Rosa Attilio; Rocco Alfredo; Caratti Dott. Rag. Pasquale.