ZAGATTI ROBERTO

Questa voce è solo un abbozzo.

ZAGATTI ROBERTO


Brescia

Violoncello

Inizia a 14 anni lo studio della musica su una chitarra "Eko" che emozionatissimo riceve dalle mani di Mario Vigasio. I primi rudimenti gli vengono impartiti dal vecchio M.° Marini, ex musicista della mandolinistica "Costantino Quaranta". Indi prosegue gli studi con il M.° Sandro Guastoldi dal quale apprende alcune nozioni della musica jazz. Nel 1972 entra a far parte della gloriosa "Costantino Quaranta" in qualità di mandolbassista, strumento che nelle compagini a plettro fa le veci di quello che è il contrabbasso nelle orchestre con strumenti ad arco. Con detto complesso partecipa ai principali concorsi in tutta Europa, quali quelli di Logrogno, Francoforte, Colonia ed altri. La compagine diretta magistralmente da Alessandro Corna prima e da Giovanni Andreoli poi (maestri appassionati della musica barocca, settecentesca ed ottocentesca), aveva alla presidenza il sempre entusiasta ed indimenticabile cav. Mario Vigasio, noto commerciante bresciano. Contemporaneamente lo Zagatti frequenta il Conservatorio di Brescia nella classe di violoncello, che però, dopo due anni, deve abbandonare. Nel 1978 fa la sua prima esperienza di musica "pop" nella "Madras Simphony Orchestra" con Giorgio Cordini, P.L. Cordini e Romano Romanini. La "MSA" era una band molto originale che eseguiva solo musiche di propria produzione, con una ricerca accuratissima della timbrica e degli effetti sonori, anche se sempre prevalentemente acustici. Nella "MSA" Roberto Zagatti ebbe l'occasione di mettersi alla prova come flautista, utilizzando appieno tutta la gamma dei flauti dolci, dall'ottavino al flauto basso, realizzando atmosfere molto apprezzate non solo dal pubblico presente ai numerosi concerti tenuti anche in ambito provinciale, ma anche dalla critica. Suonando con la "Costantino Quaranta" a Francoforte nel 1984 lo Zagatti ha dato l'addio alla sua avventura musicale dedicandosi completamente al lavoro ed agli studi filosofici. Nel biennio 2000-2001 è stato Presidente del "Lions Club Collebeato" collaborando e promuovendo iniziative culturali.