VENTURINI VITTORINO detto VITTORE

Questa voce è solo un abbozzo.

VENTURINI VITTORINO detto VITTORE


Bargnano

Pianoforte

Iniziato alla musica all'età di 6 anni dal padre Luigi, violinista. Da bambino studia la fisarmonica con il M.° Gianni Savoldi di Borgosatollo. Prosegue con lo studio del pianoforte, con il M.° Angelo Milani, abilissimo organista della Parrocchiale di Brandico. Si iscrive alla scuola organisti P.L. Cottinelli diretta dal M.° Giulio Tonelli e studia organo e composizione organistica. Nel 1963 consegue al Conservatorio di Musica "A. Boito" di Parma, con il M.° Tonelli, la licenza di teoria e solfeggio ed il compimento inferiore di pianoforte. Viene ammesso al Conservatorio di Brescia nella classe del M.° Mario Conter. Nel 1971 consegue il diploma in pianoforte con il M.° Riccardo Bettini. Nel 1972 consegue l'abilitazione all'insegnamento nella Scuola Media di Stato ed è nominato insegnante di ruolo presso la scuola media "G. Matteotti" di Capriolo. Nel 1975 viene nominato docente di pianoforte principale presso l'Accademia Musicale Bresciana sezione di Iseo, fondata dal Comune. Studia privatamente musica polifonica, armonia, contrappunto e fuga, composizione strumentale con il M.° Giancarlo Facchinetti. Dal 1981 è direttore dell'Accademia Musicale "C. Monteverdi" di Iseo. Compositore di musica polifonica vocale, sacra e profana. Autore di musiche pianistiche e di trascrizioni di originali composizioni per pianoforte. Tra le più note: la famosa "Ciaccona" in re min. di J.S. Bach, già trascritta dal Busoni e "Capriccio Arabo" di Tarrega.