TAMPALINI GIULIO

Questa voce è solo un abbozzo.

TAMPALINI GIULIO


Brescia

Chitarra

Ha compiuto gli studi musicali al Conservatorio di Brescia con Gianluigi Fia, quindi con Marco De Santi all'Accademia "Chimeri" di Lonato e con Angelo Gilardino all'Accademia "Perosi" di Biella. Si è diplomato a 20 anni con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio "G.F. Ghedini" di Cuneo. Ha seguito inoltre corsi di perfezionamento tenuti da Tilman Hoppstock, Eliot Fisk e Dusan Bogdanovic in Italia, Spagna e germania. Ha vinto alcuni dei più importanti concorsi internazionali del suo strumento, a cominciare dal primo premio al Concorso Internazionale di Lagonegro, ottenuto a diciassette anni, fino alle vittorie al concorso "Narciso Yepes" di Sanremo (presidente della giuria Narciso Yepes), al "De Bonis" di Cosenza, al "Fernando Sor" di Roma, al Torneo Internazionale di Musica di Roma, al "Pittaluga" di Alessandria e al prestigioso "Andrès Segovia" di Granada. Ha tenuto concerti in tutta Italia, Germania, Spagna, Olanda, Francia, Polonia, Inghilterra, Brasile e Stati Uniti, come solista e accompagnato da prestigiose orchestre come l'Orchestra Sinfonica di Malaga, i "Solisti Europei" di Lussemburgo, l'Orchestra Filarmonica di Rotterdam, l'Orchestra Filarmonica di Lisbona, l'Orchestra Sinfonica di Sanremo, i Solisti della Scala di Milano, il Royal Warsaw Quartet di Varsavia. Ha collaborato con molti compositori, alcuni dei quali gli hanno dedicato loro opere: tra questi, Luca Francesconi, Vittorio Vinay, Antonio Giacometti, Turgay Atamer, Ralf Ollertz, Chiara Maresca, Raffaele Cacciolla, Irlando Danieli, Federico Dell'Agnese. Numerose inoltre le sue prime esecuzioni assolute in festival italiani e stranieri. Ha svolto inoltre un lavoro di revisione su opere pubblicate dalle edizioni Berben, Rugginenti e Curci. Nel 1997 ha inciso un CD per la Antes Classics comprendente alcune delle opere chitarristiche più note del repertorio italiano del Novecento (Castelnuovo-Tedesco, Ghedini, Berio). Nel 1999 ha pubblicato il primo volume dell'opera integrale per chitarra sola di Mario Castelnuovo-tedesco (Suonare Records). Per la collana "I Maestri della chitarra" della rivista Seicorde è uscito un suo CD contenente una scelta dei brani più conosciuti di Francesco Tarrega riuniti in un cofanetto edito dalla Musicmedia, vincitore della "Chitarra d'Oro" al Convegno Internazionale di Alessandria nel 2003 come miglior Cd dell'anno.