PODAVINI EZECHIELE

Questa voce è solo un abbozzo.

PODAVINI EZECHIELE


Muscoline

Organista

Ha iniziato lo studio dell'organo a 12 anni con il M°. Nestore Baronchelli di Gavardo. Quindi ha proseguito gli studi musicali alla Scuola Organisti Parrocchiali di Brescia con il M°.Giulio Tonelli, diplomandosi nel 1964 in pianoforte al Conservatorio "Arrigo Boito" di Parma. Successivamente, trasferitosi a Merano (Alto Adige) come organista nella Chiesa Parrocchiale di S.Vigilio della stessa città, ha frequentato il Conservatorio "Claudio Monteverdi" di Bolzano, conseguendo nel 1971, il diploma in Organo e Composizione Organistica con il M°. Luigi Celeghin e approfondendo, in parallelo, con il M°. F.Valdambrini lo studio della composizione con particolare riferimento alla musica contemporanea. Tra il 1968 e il 1971 ha seguito diversi corsi internazionali di perfezionamento in Italia e all'estero tra cui il corso di organo e clavicembalo per le musiche classiche italiane e spagnole con i maestri Luigi Celeghin, Emilia Fadini e Monserrat Torrent Serra e i corsi di perfezionamento e Stilistica Musicale all'Accademia di Musica francese di S. Maximin con i maestri Michel Capuis, Andrè Striker e Xavier Darasse. Negli stessi anni ha integrato la propria formazione musicale con un viaggio attraverso diversi paesi europei (Germania, Spagna, Francia, Danimarca, Belgio e Olanda) che lo ha messo in contatto con l'arte organaria d'oltralpe. La sua carriera concertistica che annovera alcune centinaia di concerti, si è sviluppata in Italia, attraverso quasi tutti i paesi d'Europa ed in Kenya, dove è stato chiamato a partecipare ad importanti festivals e rassegne internazionali di organo. Dal 1979 al 2001 è stato docente di organo e Composizione Organistica presso il Conservatorio "Claudio Monteverdi" di Bolzano. Le sue numerose composizioni musicali comprendono brani per organo, orchestra, coro, pianoforte e voce, e per varie formazioni cameristiche. All'attività concertistica, didattica e compositiva si è affiancata nel corso del tempo quella di organologo, tesa al recupero e alla salvaguardia del patrimonio organaro italiano. Nell'ambito di questi interessi rientra anche la stesura del volume "Gli Organi di Salò e Valle Sabbia. Documenti e Testimonianze" (La Litografica, Bolzano 1973), con gli auspici dell'Ateneo di Brescia, opera nata in seguito alla riscoperta a partire dal 1969, dell'arte organaria della propria terra. E' stato infine, promotore di diverse rassegne musicali ed Organistiche, tra cui l'Associazione Musicale Meranese, fondata nel 1972 insieme ad un gruppo di amici, della quale è attualmente il Direttore Artistico.