MALIPONTE ADRIANA

Questa voce è solo un abbozzo.

Verrà aggiornata appena possibile.


MALIPONTE ADRIANA


Brescia

Cantante

Si trasferì, ancora bambina, in Francia e studiò canto al Conservatorio Nazionale di Molhouse. Soprano dotata di magnifiche doti vocali. Nel 1957 vinse un concorso organizzato dalla RAI italiana , e nel 1958 debuttò al Teatro Nuovo di Milano interpretando il personaggio di Mimì. In un altro concorso ebbe la borsa di studio per "La Scala" e nel 1960, a soli ventidue anni, vinse il gran premio del Concorso Internazionale di Ginevra. Dopo Bruxelles la Maliponte andò a Parigi dove interpretò un'opera di Menotti, poi nel personaggio di Antonia interpretò "I Racconti di Hoffman". Infine nell' "Opera di Aran" sostenne la parte di Maureen, la cui musica è di Gilbert Bècaud, cantante ed autore di canzoni ben noto ai francesi, ed è stata rappresentata a Parigi nel Theatre des Champs Elysèes nel 1962. Nel 1964 ha riportato un nuovo successo al Festival dell'Opera lirica al Teatro Beaulieu di Losanna, cantando nelle opere Madama Butterfly, La Forza del Destino e Falstaff. Oltre a varie tournèe in Germania, Olanda e Belgio, la Maliponte ha già varcato l'oceano due volte per cantare in vari teatri dell'America del Nord. Nel 1973 ha inaugurato la stagione lirica al Cosmopolitan (ex Metropolitan) di New York con lopera la Traviata. Nel 1975 alla Maliponte venne conferita l'onoreficenza "Cavaliere dell'Ordine degli Artisti e Letterati di Francia" per i meriti conseguiti come divulgatrice del melodramma francesc, onoreficenza consegnatagli dal Ministro francese della Cultura. Nello stesso anno è insignita della "Targa d'Oro" dagli Amici del Teatro Grande di Brescia. Nel novembre del 1979 le è stato assegnato nel corso di una cerimonia al Teatro Sistina di Roma l'ambito premio (Gonfalone d'Oro 1979" relativo alla sezione lirica femminile. Alla stagione lirica al S. Carlo di Napoli (1976) ebbe molto successo e la critica napoletana scrisse: "...una tra le cantanti più artisticamente e vocalmente dotate del momento...". Nello stesso anno ebbe scritture per i teatri di Londra, Amburgo, New York, Washington. A Campione d'Italia venne insignita della "Maschera d'Argento" per la lirica.