BERTOCCHI “McHenry” ENRICO

Questa voce è solo un abbozzo.

BERTOCCHI “McHenry” ENRICO


Gavardo

Chitarra, Dir. Artistico

Verso i dieci anni di età i suoi genitori lo iscrivono ad un corso di musica, con la speranza di vederlo un giorno dietro ad un pianoforte, ma dopo poco la passione per lo strumento svanisce, forse anche per le noiose lezioni di teoria e solfeggio.

Passano alcuni anni ed Enrico si trasferisce a Brescia per frequentare l'Istituto tecnico per l'Informatica presso gli Artigianelli, sono gli anni del collegio, anni difficili per la lontananza dalla sua casa e dai suoi amici. E' per sfuggire a tutto ciò che si riavvicina alla musica, passando però alla chitarra che vede come strumento simbolo della forza ribelle del rock, ed è ascoltando e studiando i pezzi dei Led Zeppelin, di Ozzy Osbourne e dei Metallica che impara i primi rudimenti della chitarra elettrica.

Il desiderio ora è quello di suonare in un gruppo, di esibirsi davanti ad un pubblico e succede nel 1991, a scuola, durante la festa di fine anno. Le cose cominciano a non essere più così nere, la musica è una buona ragione per non mollare, inoltre c'è un tipo strano di Seattle che canta canzoni meravigliose con una grinta mai vista, è Kurt Cobain, sono i Nirvana è nato il Grunge.

Un paio di anni dopo conosce un certo Pablo Bacchetti, geniale e sfortunato leader dei "Bambini dell'asilo" loro cercano una seconda chitarra e così comincia la sua breve avventura nel gruppo valsabbino, interrotta a causa delle differenti vedute musicali.

Passa meno di un anno quando un certo Zigio, al secolo Sergio Olivieri, già conosciuto qualche anno prima, propone a Henry di entrare a far parte del progetto “industria”, un gruppo rock nascente, con tanta voglia di creare pezzi propri e con grandi intenti, si parla di produzioni, di incisioni e di concerti.

La sera stessa Henry conosce gli altri elementi del gruppo, Mr.Ale alla voce, Cecco alle tastiere, Marco al basso, Bete alla batteria e Zigio alla chitarra, e l'intesa sembra immediata, e rimane tale per tre anni, quando nel 1997 in seguito a divergenze ormai divenute insostenibili Cecco, Bete ed Henry si staccano per formare gli “Atomo” (il nucleo originario dei Bettyboom), si abbandonano le sonorità rock commerciali per abbracciare uno stile più vicino alla musica dei Faith No More, più diretto ed energico, più crossover, e la ricerca di nuove sonorità continua ancora.