BENEDETTI MICHELANGELI UMBERTO

Questa voce è solo un abbozzo.

BENEDETTI MICHELANGELI UMBERTO


Pianista, direttore d'orchestra

Iniziati gli studi musicali giovanissimo sotto la guida della zia, eccellente didatta e proseguitili, in seguito, presso il Conservatorio G. Verdi di Milano con i maestri Conter, Bettinelli e Gusella, si è perfezionato, infine, con Franco Ferrara. Ha diretto i complessi delle maggiori istituzioni sinfonico-cameristiche italiane ed è stato ospite di importanti orchestre in Germania, Svizzera, Francia, Austria, Svezia, Norvegia, Finlandia, Olanda, Belgio, Israele, Ungheria.

Negli anni più recenti, ha concentrato i propri interessi intorno al repertorio classico e francese, dei quali è appassionato cultore, scegliendo di dirigere quei concerti e di collaborare con le orchestre che meglio gli consentono di esprimere questa sua inclinazione. Particolarmente significativo, al riguardo, il sodalizio con l'Orchestra da Camera di Mantova, complesso del quale è direttore principale dal 1984 ed i cui esiti artistici sono sfociati nell'attribuzione del Premio "Franco Abbiati" della Critica Musicale Italiana per l'anno 1997, nonché in riconoscimenti internazionali ottenuti nel corso di tournée in svariati Paesi del Mondo.

Da sottolineare, inoltre, la collaborazione con la Camerata Academica Salzburg in una serie di concerti tenuti in occasione della Schubertiade di Feldkirch 1996. Nell’aprile 2004, inoltre, Umberto Benedetti Michelangeli, in collaborazione con l’Orchestra da Camera di Mantova, ha portato a compimento il ciclo beethoveniano, comprendente sinfonie, concerti ed alcune opere sinfonico-corali del Maestro di Bonn. La lettura innovativa che trae spunto dalla recente ed avvertita esegesi storico-critica e la rinnovata espressività che ne scaturisce, sono valse all'intero progetto l'accoglienza più calda e convinta da parte di pubblico e critica.