VAGO

VAGO

Nome generico (in dial. vach o vagh dal lat. "opacus") per indicare sia un «luogo vòlto a tramontana, ove non batte il sole» o un «luogo umido, fresco», il contrario del dialettale "sulif"= solatio. Specificatamente il nome indica un'antica frazione di Incudine a 900 m. s.l.m. sul versante sinistro della Valcamonica; una località e caseggiato (m. 150 s.l.m.) sul versante destro della Valle delle Cartiere, nel territorio a N di Toscolano, occupata da ruderi di cartiere. «Al Vago» erano indicate nel territorio di Malonno, nel sec. XIX, delle miniere di rame.