UBERTI Uberto

Versione del 7 apr 2021 alle 13:17 di Pgibe (Discussione | contributi) (una versione importata: Import volume XIX)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

UBERTI Uberto

(Brescia, 1771 - 14 luglio 1836). Di Giacomo. Di famiglia proveniente a Brescia da Adro, laureatosi in giurisprudenza entrò nella carriera amministrativa durante il Regno Italico. Fu segretario e talvolta reggente la Prefettura di Brescia, e nel 1807 era già ascritto alla Loggia Massonica Bresciana «Maria Amalia». Nell'elenco massonico del 1831 pubblicato dal Luzio (nell'«Archivio storico lombardo», 1917, pag. 351) è detto: «Inappuntabile, e pel suo carattere servizievole amico di tutto il mondo». Morì a S. Francesco di Paola il 14 luglio 1836 di colera e fu sepolto in quel cimitero suburbano, ma la vedova e i figli gli collocarono un cippo onorario nell'emiciclo esterno del Cimitero monumentale con un'elegante iscrizione latina, che si deve forse alla penna di Giovanni Labus.