SCHOLÉ

SCHOLÉ

Centro di studi pedagogici "fra docenti universitari di ispirazione cristiana" sorto nel 1954 presso "La Scuola Editrice" con lo scopo di «promuovere l'unificazione delle forze della pedagogia cristiana in Italia, al fine di determinare un sempre maggior incremento scientifico ed una sempre più efficace influenza nel mondo della cultura e della scuola italiana del pensiero educativo cristiano. A tal fine promuove l'organizzazione e lo svolgimento di incontri-convegni di studio, la cui partecipazione è riservata ai soli docenti universitari, e cura iniziative editoriali e altre attività atte al raggiungimento delle finalità previste dall'istituzione.


Vi presiedette dalla fondazione un Comitato direttivo del quale facevano parte i professori Aldo Agazzi, Fausto M. Bongioanni, Pietro Braido, Giovanni Calò, Mario Casotti, Giuseppe Flores d'Arcais e Gesualdo Nosengo. Documentazione della feconda attività dei convegni annuali di studio, ai quali partecipano anche illustri docenti universitari stranieri e, di volta in volta, specialisti delle varie discipline, è la ricca serie di volumi degli Atti».


Dal 1954 "Scholé" ha organizzato 10 convegni di studio, riservati ai docenti universitari, sui seguenti temi: la pedagogia cristiana (1954); l'attivismo pedagogico (1955); la sperimentazione in pedagogia (1956); metodologia e didattica (1957); l'educazione estetica (1958); l'educazione scientifica (1960); l'educazione sociale (1961); laicità e scuola (1962); l'educazione familiare (1963); l'educazione religiosa (1964). Un'iniziativa di "Scholé" degna di particolare attenzione è la cosiddetta "Scholé giovanile", che si propone, con speciali convegni diretti da professori universitari, di orientare i giovani laureati che dimostrano doti intellettuali e volontà per intraprendere il difficile e severo studio scientifico dei problemi educativi secondo i principi cristiani.