OFFICINA Presse e Fucine di Brescia

OFFICINA Presse e Fucine di Brescia

Azienda metallurgica promossa da Giulio Togni e articolata nei reparti forgiatura e stampatura dove venivano lavorati pezzi di qualsiasi grandezza, e trafilati a caldo in un solo pezzo senza alcuna saldatura, bombole e serbatoi per alta pressione sino ad un diametro di m/m 500 e lunghezza sino a 4 metri; vennero pure eseguiti lavori in lamiera imbutita sino a mm 3000 di diametro per caldaie e serbatoi; tubi chiodati e carpenteria in genere. Nel 1922 era dotata di un grande impianto di macchinario idraulico funzionante a pressione di 200 atmosfere, con presse della potenza complessiva di circa 8.000 tonnellate.