OBLATI della Sacra famiglia di Nazareth

Versione del 1 ott 2018 alle 08:49 di Pgibe (Discussione | contributi) (una versione importata: Import volume 10)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

OBLATI della Sacra famiglia di Nazareth

Associazione di sacerdoti della diocesi di Brescia, Conosciuta con il semplice nome di «Oblati» e istituita nel 1900 dal vescovo Giacomo Maria Corna-Pellegrini, attuando un disegno già coltivato agli inizi del sec. XIX dal suo predecessore mons. Gabrio Maria Nava. La Congregazione ebbe come scopo di accogliere sacerdoti disposti a mettersi a completa disposizione del vescovo, legandosi con promessa specifica di obbedienza «ad annum» per quegli uffici che il vescovo avrebbe creduto di affidare ai singoli. Decretata il 22 gennaio 1905, il vescovo stabiliva che i sacerdoti che vi entravano accettassero di assumere qualsiasi incarico, in qualsiasi luogo e tempo venissero richiesti offrendosi e legandosi al vescovo spontaneamente con speciale vincolo, secondo regole e costituzioni proprie. Al contempo mons. Corna erigeva una «Casa del clero», destinata ad accogliere sacerdoti offertisi al vescovo quasi «squadra volante» per i bisogni della vasta diocesi, come economi spirituali, predicatori, missionari, confessori e supplenti nelle parrocchie, i parroci ammalati o bisognosi. Il 22 gennaio 1906 il vescovo accoglieva le oblazioni dei primi membri delle Congregazioni: i padri Giuliani, Ferlinghetti e Tovini. Fra essi pensò di entrare anche monsignor Bongiorni, trovando ostacolo nella volontà del vescovo. Nel 1913 gli Oblati aprirono un Patronato scolastico con scuole di religione, doposcuola, e ricreazione. Venne aperto anche un ritrovo feriale e festivo, con attività ricreative e teatrali ed un campo sportivo. Il Patronato continuò per alcuni anni. All'indomani della seconda guerra mondiale mons. Giacinto Tredici, con un nuovo decreto del 1945 affidava l'assistenza religiosa dell'insigne santuario delle Grazie (elevato a basilica minore da Giovanni XXIII) agli Oblati. I membri della congregazione non solo si distinsero nella predicazione ecc., ma anche in altre attività inerenti alla vita diocesana che non erano state contemplate nel decreto di fondazione. Tra essi si segnalarono il servo di Dio Mosè Tovini, che fu rettore del seminario, professore per tanti anni di teologia dogmatica (ebbe fra gli alunni lo stesso Paolo VI) e il p. Giovanni Fausti, che, presso gli Oblati negli anni di insegnamento in seminario, entrò poi a far parte della Compagnia di Gesù; inviato in Albania, fu rettore del seminario di Scutari e morì fucilato dai comunisti albanesi il 4.3.1946. La congregazione ha la sede centrale a Brescia, in via Grazie 13.