NAVEZZE

Versione del 1 ott 2018 alle 08:43 di Pgibe (Discussione | contributi) (una versione importata: Import volume 10)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

NAVEZZE (in dial. Naèse)

Frazione di Gussago, sulla sinistra del torrente Canale, a m 214 s.l.m. Nel 1930 contava ben 852 abitanti. Forse da avèsh = abete, con la premessa della particella in oppure en. Ha lo stesso nome una vallecola in cui sorge l'abitato ed un torrente che versa le acque nel canale Torre che attraversa Gussago e poi il territorio di Cellatica. Si tratta di zona di grande interesse paleontologico come dimostrarono nel marzo 1908, durante i lavori di sterro nel sagrato della chiesa, i resti di rinoceronti e di cervi «elaphus», «capreolus» dell'era quaternaria, appartenenti, secondo Umberto Pagani, al «Rinoceros megarhinus Chris e di altra specie. Vi esiste una chiesetta dedicata a S. Vincenzo eretta nel sec. XVII con bella soasa cinquecentesca. Del '600 è la statua di S. Vincenzo. Le decorazioni della volta del presbiterio sono del sec. XVIII. Giuseppe Trainini per la decorazione e Vittorio Trainini per le figure delle quattro medaglie hanno affrescato nel 1912 la navata. Il presbiterio ha due tele ovali settecentesche con belle cornici. Vi esistettero membri della confraternita del Terz'ordine francescano, particolarmente attivo dal 1922. Sulla strada per Brione fa bella mostra una costruzione cinquecentesca di proprietà Gozio, con un bel portale rinascimentale. Nell'interno si trova una sala a volta con camino del sec. XVI. Antica anche la fontana. Nel 1973 un nuovo edificio scolastico ha sostituito la vecchia scuola.