NASSINA o Nassini o Molini di S. Vigilio

NASSINA o Nassini o Molini di S. Vigilio

Roggia sulla sponda destra del Mella, dal quale deriva l'acqua sotto il ponte di Sarezzo, mediante chiusa provvisoria di pietre e punte di legno, essendo stata distrutta nel 1882 l'antica chiusa che era di legname. La roggia, oltre servire all'irrigazione di circa ettari 119 di terreno, formava lungo il suo percorso cinque cadute ed animava cinque opifici, per rientrare nel Mella al disotto della presa del Celato. Gli opifici animati da questa roggia erano: il molino e la fonderia Glisenti siti in Villa ed i tre molini Perotti, Tonoli e Peroni siti nel comune di S. Vigilio. Ai due molini Perotti e Peroni erano uniti anche folli delle pelli. Poco al disopra del molino Perotti esisteva una ruota idraulica, la quale serviva ad animare la filanda Serlini sita superiormente all'abitato di S. Vigilio, mediante trasmissione funicolare metallica. Superiormente al molino Perotti esisteva altra motrice, che serviva ad animare le scrematrici della panna e la zangola del burro della latteria sociale di S. Vigilio.