NAPOLI

NAPOLI

Sec. XV-XVI. Tintore accusato di spacciare moneta falsa, venne, con l'orefice Giuseppe Gavardino e un venditore di formaggi, certo Bolder, a quanto sembra, mandato al rogo nel marzo 1515.