MUZIANO Giovanni Battista

MUZIANO Giovanni Battista

(Acquafredda, 1545 - Venezia, 1589). Di Marco, armaiolo, fratello maggiore del pittore Girolamo. Allevato dal padre nella lavorazione delle armi, ebbe bottega presso la Pallata e godette grande stima, decantato come «chiarissimo nel lavorar le armi». Aveva sposato Zuana qd. Bartolo de Bargi. Nel 1563 al 1589 lavorò all'Arsenale di Venezia del quale fu nel 1565 «protto di corazzeri». In un documento del notaio ducale Gaspare Trevisan del 28 settembre 1566 si attesta che con il figlio Pietro per tre continui anni si era adoperato «in far diverse sorte di brochieri, rodelle et altre arme da offesa molto buone et con poca spesa et havendo ritrovato una nuova inventione di armar la testa, gola e facia a galeoti, oltra ch'è di molto ingegno nella sua professione...». Maestro Paolo Cavagnola di Brescia attestava che il Muziano sapeva lavorare corsalotti, bracciali, celate e che faceva «lavori de rilievo bellissimi». La Repubblica gli fu particolarmente riconoscente, concedendogli il 15 settembre 1582 assieme a Giovanni Battista Martinengo privilegi nella lavorazione dei lini. Il Rossi scrive che gli diede anche provvigioni particolari. Il 24 aprile 1589 davanti al notaio ser Nicolò Dogiun disponeva dei suoi beni a favore della moglie Giovanna qd. Bartolo da Bargi e del fratello pittore Girolamo che nominava suo esecutore testamentario.