MUSEO Ken Damy di fotografia contemporanea di Brescia

MUSEO Ken Damy di fotografia contemporanea di Brescia

Aperto il 29 aprile 1990 da Ken Damy (Giuseppe Damiani) fotografo dal 1961, rappresenta la logica evoluzione della galleria d'arte «Ken Damy Photogallery» aperta dallo stesso a Brescia nel 1974 e dedicata esclusivamente alle fotografie creative e di respiro internazionale. Ken Damy iniziò negli anni Ottanta a raccogliere fotografie creative (cioè fotografie intese come espressione individuale di emozioni interiori e non come documentazione) che scambiava con fotografi di tutto il mondo: da qui l'idea di una collezione d'arte fotografica contemporanea con immagini e testimonianze di diversi fotografi, con ampia varietà di tematiche e di modalità espressive. Il Museo, partendo dalla collezione privata di Ken Damy, acquista ed espone in modo permanente, con l'aiuto di sponsor privati, opere fotografiche di autori contemporanei. Ha una documentazione in diapositive (circa 3000) delle opere storiche dei maestri. E dotato di biblioteca con intere annate di riviste fotografiche e cataloghi. Organizza corsi di fotografia, dibattiti, proiezioni, conferenze (non esclusivamente di fotografia). Organizza anche, in sale apposite, mostre fotografiche con frequenza mensile. Attualmente il museo può contare su 2000 immagini fotografiche. «News» è il notiziario del museo ed ha frequenza trimestrale. Ha sede in Brescia in corsetto S. Agata, 22. A sostegno del museo è stata affiancata nel dicembre 1990 l'associazione Amici del Museo.