MOSCHENI

MOSCHENI

Famiglia originaria di Botticino già presente nel Gran Consiglio dell'Università di Botticino Sera nel 1463, con Giovanni Vincenzo Moschi di Pietro, eletto con Andreolo Oprandi sindaco, procuratore e difensore delle liti, questioni e controversie del Comune con altri Comuni. Nel 1515 partecipa alla General Vicinia Peder Mosca, nel 1549, è presente alla stessa Gioseffo Mosca. Il nome poi assume la grafia di Moschè e infine nel 1609 di Moscheni. Lunga la discendenza di Giovan Battista qd. Zuan et Pedro, trapiantatasi anche a Caionvico. Si contarono professionisti e sacerdoti. Vincenzo, farmacista, fu assessore (1897) e sindaco (1900-1901) di Botticino e diede vita con la moglie Vittoria Bettinzoli al ricovero dei vecchi di Botticino Sera donando una sua casa al Comune.