MORO Giovanni Maria

MORO Giovanni Maria

(Brescia, 1783 - Roma, 10 ottobre 1855). A 21 anni entra fra i Chierici Regolari di S. Paolo, ossia i Barnabiti. Il 20 dicembre 1805 professava in Monza i voti. Terminati gli studi teologici in S. Barnaba di Milano e ordinato sacerdote alla fine del 1806, venne destinato a S. Lucia di Bologna, dove insegnò belle lettere nelle scuole pubbliche annesse al Collegio. Dopo la soppressione rimase a Bologna, continuò ad operare nei collegi barnabiti che secolarizzati erano rimasti in mano ai religiosi. Ristabilito l'ordine, p. Moro ebbe l'incarico di vicerettore del Convitto di S. Luigi e poi, per vari anni, quello di Prefetto delle scuole pubbliche di S. Lucia. Nel 1832 venne eletto rettore del collegio Convitto di S. Francesco di Sales di Finalmarina. Fu poi nel 1835 trasferito come rettore del Collegio di Pontecorvo e nel 1838 venne nominato Provinciale di Roma. Passò poi Provinciale a Napoli fino al 1848, quando venne nominato Assistente Generale, carica che tenne per cinque anni. Fu zio di p. Giovanni Carlo Moro (v.).