MOROSINI Stefano

MOROSINI Stefano

(Angolo, 26 giugno 1881 - Darfo, 9 gennaio 1944). Di Francesco e Francesca Sangalli. Avvocato, fu per lunghi anni direttore della agenzia di Darfo della Banca Popolare di Bergamo. Consigliere di chi a lui ricorresse, fu più volte sindaco e guidò l'Amministrazione comunale dal 1915 in poi, anche durante il ventennio fascista, abilmente destreggiandosi tra l'apparente ossequio al Regime e il reale impegno per le vere necessità del popolo. Ammirata l'opera da lui svolta nei luttuosi giorni del disastro del Gleno (1 dicembre 1923) cui Angolo sacrificò 16 vittime. Oltre che adottare immediate provvidenze per le famiglie in lutto o gravemente danneggiate, egli sentì come propria la causa dei cittadini e della comunità. Con energia ed acutezza di giurista sostenne le istanze di privati e del comune ottenendo così consistenti e rapidi aiuti dai competenti organi di governo. Nel 1916 pubblicò un volumetto intitolato «Vita Amministrativa del Comune di Angolo sotto il Dominio della Serenissima», testo aggiornato della sua tesi di laurea presso l'Università di Parma, nel quale espose esattamente le modalità di gestione del comune rurale e della vicinia, nonché gli Statuti e l'organizzazione pratica del «Pio Luogo dei Poveri» e del «Monte del Miglio» in Angolo. Utilissima poi, quanto chiara, la schematica presentazione dei molteplici organismi di governo che Venezia usò durante il suo dominio in Valle.