MOROSINI Lorenzo Felice

MOROSINI Lorenzo Felice

(Angolo, 29 agosto 1894 - 15 giugno 1945). Di Abele e di Beatrice Cominelli. Sacerdote nel giugno 1917, fu subito chiamato al servizio militare, nella III compagnia di sanità, con la quale fu in Valtellina, sull'Adamello e a Milano. Congedato nel 1919, veniva inviato coadiutore a Terzano, diventandone parroco nel 1936. Giudicato da Luigi Fossati e da altri «uno dei sacerdoti più intelligenti» della diocesi di Brescia, dedicò tutta la sua vita alla piccola parrocchia, non muovendosi mai per 28 anni, sia per ragioni di salute, come per incredibile modestia e per rimanere vicino alla famiglia. Alla noia per solitudine nel piccolo borgo egli rimediò mediante la cura assidua di studi sacri e profani (ne è prova la ricca biblioteca che lasciò) che diedero mordente al suo magistero ordinario, offrendogli spesso stimoli ed occasioni di incontri e rapporti con uomini distinti oltre la valletta di Angolo. Dopo la metodica applicazione allo studio gli giovò, quale fonte di serenità, lo sfruttamento delle poliedriche ed eccezionali doti di autodidatta che egli manifestò in ogni campo. Fu abile fotografo, apicultore, agronomo, enologo, legatore, bibliofilo. Singolare in lui l'attitudine ad opere di costruzione ed adattamento, e lavorò come peritissimo muratore, elettrotecnico, carpentiere, fabbro, falegname. Cure particolari dedicò alla chiesa di cui rinnovò la decorazione, l'organo, gli arredi e paramenti; restaurò la chiesa di S. Giovanni Decollato; istituì l'asilo. Fu particolarmente vicino ai giovani durante la guerra e la Resistenza.