MORA

MORA

Antichissima famiglia della valle di Lozio, con sede probabile a Sucinva. Anticamente erano detti De Moris e dai soprannomi applicati a vari suoi membri, diede origine a varie altre famiglie oggi estinte: Zilioli, Balotti. Il Melotti pensa che i Mora di Lozio vengano dai vassalli del Capitolo della Cattedrale di Brescia in Poncarale e in Zone sul Lago d'Iseo. Da Zone nel secolo XIV partì certo Filippo de' Moris, notaio, il quale abitò a Gorzone. La sua discendenza si diffuse in vari paesi camuni e con ogni probabilità anche a Lozio. Rassoda questa opinione il trovar frequente fra i Mori i nomi di Francesco, Giuseppe, Gio. Battista. Dei Mora di Zone era Agostino de Moris, priore del convento di S. Domenico in Brescia nel 1508. Ebbero rilievo anche i Mora di Saviore. Nel 1542 si trovava ab. in Capo di Ponte Mepino q. Ziliolo Mora di Lozio caligario che divenne il capostipite dei Mora di Capo di Ponte. Nel 1577, 3 ottobre, è ricordato D. Pietro q. Mepini de Moris Cemi notaio. Vi furono due parroci di Novelle, uno a Pescarzo di Cemmo, uno a Cerveno; tutti Mora.