MATILDE di Canossa

MATILDE di Canossa

(1076-1115). Figlia di Bonifacio degli Attoni e di Beatrice. Successe al padre nel governo di un complesso di feudi che si estendeva dalla Toscana al Bresciano ed ebbe da Enrico V il vicariato d'Italia. Già alunna del papa Alessandro II, e col consiglio del santo vescovo di Lucca Anselmo da Reggio con il popolo bresciano si schierò in favore del vescovo riformatore Arimanno contro Oberto Baltrico, voluto da Enrico IV. Continuò il culto al vescovo bresciano S. Apollonio, le cui insigni reliquie il suo avo Azzo si era fatto donare dal figlio Goffredo, vescovo di Brescia o che egli stesso aveva trafugato. Fu Matilde sembra a far consacrare la basilica dedicata al santo a Canossa da papa Gregorio VII. Morendo il 24 luglio 1115 Matilde lasciò tutti i suoi beni, compresi quelli bresciani, alla Chiesa.