MASSIMILIANO I

MASSIMILIANO I

Sec. XV-XVI. Imperatore. Nel 1496 scendeva in Italia attraverso la Valcamonica. Alleatosi dopo la Lega di Cambrai (10 dic. 1508) con la Francia, il 14 giugno 1509 investiva re Luigi XII dei domini di Brescia, Bergamo, Cremona, Crema ecc.. Nel 1512 puntò di nuovo su Brescia nel tentativo di smembrare il dominio veneto e di rivendicare gli antichi diritti imperiali sulla pianura padana considerando Brescia come dovutagli. Il 13 aprile 1513, in seguito ai patti stretti con Luigi XII a Blois il 23 marzo 1513, donava Bagolino al conte Antonio di Lodrone, cosa di cui tuttavia i bagolinesi non tennero conto. Affermatosi inoltre signore di Brescia vi inviava un proprio rappresentante e anche artiglieri guardandosi in seguito dal fare promesse agli esponenti bresciani andati a corte a Innsbruck nel 1515. Sceso in Italia nel marzo 1516 dopo che Venezia si era alleata con la Francia con l'idea di conquistare Brescia e puntare su Milano, si diresse su Asola, per assicurarsi una via di rifornimenti portandosi poi a Gambara e Pralboino, dirigendosi dopo aver trascurato Brescia, su Milano. Trovandola tuttavia troppo difesa, ritornò in Germania, fra il più grave disappunto dei ghibellini bresciani.