MACCA Valentino

MACCA Valentino

(Isorella, 17 febbr. 1924 - Roma, 7 gennaio 1988). Al secolo Giuseppe Macca. Religioso carmelitano con il nome di Valentino di S. Maria. Entrò presto nel Collegio aspiranti all'Ordine Carmelitano di Adro dove compì le scuole medie. Il 28 giugno 1940 iniziava nel convento di Brescia il noviziato, coronato il 9 luglio 1941 con i voti religiosi temporali. Dal 1941 al 1945 compiva il Corso liceale filosofico nello studentato di Treviso e l'8 febbraio 1941 faceva la professione dei voti solenni. Dal 1945 al 1950 frequentò il corso di teologia nella Facoltà Teologica del Collegio Internazionale "Teresianum" a Roma, ottenendo la licenza in Sacra Teologia. Il 25 aprile veniva consacrato sacerdote a Roma dal card. Adeodato Piazza e nel 1950 iniziava l'insegnamento della Teologia nello studentato di Venezia, che poi abbandonava per ritornare il 17 nov. 1950 a Roma come membro del Centro Informativo dell'Ordine presso la Curia Generalizia. Nominato nel febbraio 1951 archivista generale dell'Ordine nel 1952-1953 frequentò il biennio di Paleografia e Diplomatica presso la Scuola dell'Archivio Segreto Vaticano. Membro e perito di varie Commissioni e Gruppi di lavoro, nel 1956 assumeva la direzione degli "Analecta O.D.C. organo ufficiale dell'Ordine; nel contempo lavorò intensamente per le riforme dell'Ordine comportate dal Concilio Vaticano II. Dal 1957 al 1983 è professore di Spiritualità Mariana e di Mariologia nell'Istituto di Spiritualità della Facoltà Teologica "Marianum" di Roma; nel 1973 è nominato vice segretario generale dell'Ordine. Contemporaneamente e costantemente prestò la sua, assistenza qualificata ai Superiori generali e al Definitorio contribuendo alla preparazione per parecchi anni di tutti i documenti emanati dal centro dell'Ordine. Impegnativa anche la sua cooperazione a vari Dicasteri della S. Sede: consultore della Congregazione per i Sacramenti e il Culto Divino nella sezione Culto Divino (6 dic. 1975), consultore della Congregazione per i Religiosi e gli Istituti Secolari (22 maggio 1978), consultore della Congregazione per le cause dei Santi nella Sezione Teologica (10 agosto 1979), relatore della Congregazione per le cause dei santi (28 agosto 1983). Assidua la sua attività pastorale specie nella direzione spirituale e nella confessione, come assistente e animatore per quattordici anni della Fraternità dell'Ordine Secolare Teresiano, per la quale promosse nuove iniziative come le "Letture Teresiane", i Corsi di formazione carmelitana ecc. Fu inoltre collaboratore attivo delle Settimane di spiritualità delle "Theresiane" e nella Collana "Fiamme Vive". Notevole inoltre il lavoro di assistenza dottrinale e spirituale ai numerosi Istituti religiosi e secolari, di cui fu anche visitatore, assistente, ecc. Intensa la sua attività di studioso e di pubblicista. Collaborò infatti alle "Ephemerides Carmeliticanae" (nelle quali pubblicò studi di particolare valore quali "L'Immacolata e la Congregazione d'Italia dei Carmelitani Scalzi" 7 (1956) pp. 3-120; "Il Dottorato di S. Teresa: sviluppo storico di un'idea", 21 (1970) pp. 35-113, "Rivista di vita spirituale" della quale fu anche direttore dal 1963 al 1966; "Dizionario degli Istituti di Perfezione", "Dizionario Enciclopedico di Spiritualità" , "Bibliotheca Sanctorum", "Nuovo Dizionario di Mariologia", ecc.) Colpito da ictus cerebrale all'atto di arrivare in Cile l'1 aprile 1987, si riprese e pur menomato continuò a lavorare, fino a quando un nuovo assalto del male troncò la sua esistenza.