ASSONICA Bartolomeo

ASSONICA Bartolomeo

Patrizio bergamasco, fu canonico, prevosto della cattedrale di Bergamo e nel 1503, creato vescovo di Capo d'Istria. Fu poi ambasciatore della Repubblica Veneta, vicario capitolare di Bergamo. Nel 1518 Leone X lo mandava come Inquisitore a Brescia, dove serpeggiavano le idee luterane. Il vescovo Paolo Zane lo investiva di ogni autorità, nominandolo Vicario generale della diocesi, incarico che tenne fino al 1520. Morì a Bergamo il 15 ottobre 1529.