ABBA Mario, generale

Versione del 17 mag 2016 alle 22:46 di Pgibe (Discussione | contributi) (una versione importata: Import volumi 01-02)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

ABBA Mario, generale

(Cairo Montenotte, 30 settembre 1874 - Urago Mella, 13 febbraio 1939). Figlio del patriota letterato Giuseppe Cesare Abba. Sposò Elena Legnazzi. Fu ufficiale del 2° Alpini, passò poi all'arma dei Carabinieri. Fu per tre anni in Eritrea; svolse poi, durante la guerra mondiale, un delicatissimo servizio di informazioni nella zona del Garda. Combatté poi valorosamente alla ridotta garibaldina al Passo Tonale, sul Piave, dove diresse la gettata di un ponte sulla Priula, ed entrò per primo in Dobbiaco. Nel primo dopoguerra fu comandante del corpo di polizia interalleato a Fiume, rientrando poco prima dell'impresa dannunziana. Fu addetto al Comando generale dell'Arma, e poi comandante della Legione di Genova. Ivi diresse i soccorsi nel crollo della casa degli emigranti, meritandosi la medaglia d'argento al valore civile. Nel 1932 fu posto in posizione ausiliaria. A Brescia fu vice presidente della "Dante Alighieri" e presidente del Museo del Risorgimento, curandone il riordino.